Essiccare

Un nuovo inizio a partire da un paio di giorni per un meraviglioso regalo ricevuto: l’essiccatore.

Magno gaudio e magno con gaudio.

Mele, caco vaniglia e banane per cominciare. Una goduria!

Advertisements

Béchamel veg

Buona buona

50gr farina di farro 

50ml olio semi di girasole

500ml brodo vegetale ( ho usato quello istantaneo Rapunzel)

Sale, pepe e noce moscata. 

Ah un pizzico extra di curcuma.  

Gnammi. Finirà in una lasagna .

Zucca arricchita

Zucca con spezie indiane e scalogno secco, olio di riso a cui ho aggiunto a fine cottura una batata e del topinambur a cubetti con dragoncello secco , pepe nero e una grattugiatina di zenzero.

Zucca cremosa e cubetti appena scaldati dunque al dente. bella consistenza.

Ovviamente ho rischiato di non riuscire a fare la foto… era già quasi finita. 

io e gli acari

A domanda rispondo

Cosa fai per la tua allergia agli acari ?

Faccio molte cose e la situazione al momento e stabile e accettabile. C’è stato un periodo in cui le crisi d’asma erano altamente probabili in luoghi polverosi come cinema e teatri ad esempio. Adesso me la cavo con bruciore agli occhi e una rinite,o una rinorrea. Un successone. Se mangio gamberi mi prudono il palato e le orecchie.

Faccio un elenco qui perché potrebbe essere utile alla mia pigrizia. Potrò dare il link a questo post nel caso mi chiedessero info e via!

1. cross-reattività col cibo. E’ utile eliminare o ridurre il consumo di crostacei, lumache di terra e di mare e i mitili.

2. ridurre le colonie di acari dall’appartamento. Usare  aspirapolvere con filtro Hepa. (ne prenderò uno con filtro Ulpa  prossimamente)

3. siccome gli acari non muoiono sotto i 60°C occorre lavare le lenzuola e gli asciugamani a 60°C . Uso un coprimaterasso in spugna di cotone che cambio ogni settimana insieme alle lenzuola. Le tende vanno lavate anch’esse alle stessa temperatura per questo motivo scelgo il cotone come tessuto prevalente.

4. ogni settimana, al cambio delle lenzuola, spruzzo sul materasso un mix di oli essenziali . Lascio agire e poi aspiro il materasso con l’aspirapolvere. è noioso ma serve.E serve anche una volta ogni due mesi, cospargere il materasso di bicarbonato di sodio che aspiro sempre dopo un paio d’ore. Non rifaccio mai il letto al mattino. materasso e coperte devo prendere aria .Gli acari amano ambienti con temperature sopra i 20°C e percentuali di umidità oltre il 50%. Rendiamogli la vita difficile.

il mix di oli essenziali è tratto da un libro di Luca Fortuna. Le allergie. I rimedi naturali più efficaci. ed.Xenia. libro che ho trovato utile in questi anni. Uso l’olio essenziale di Saro, di  Niaouli, di Tea tree. Sto sperimentando altre combinazioni , ma non essendo un’aromaterapista posso solo invitarvi ad informarvi e usarli.

5. gestire le crisi notturne. Anche in questo caso l’aromaterapia mi aiuta molto. Diffondo  nella stanza l’olio essenziale di mirto rosso . Mi permette di respirare e dormire.

6. fare lavaggi nasali con acqua salata, acqua marina(in farmacia) o con sale marino integrale fai da te(disciogliere 1/4 di cucchiaino di sale in 250ml di acqua bollente. in caso di naso chiuso si può arrivare a 1/2 cucchiaino di sale, in questo caso aggiungere mezzo cucchiaino di bicarbonato).

7. assumere ribes nigrum ed echinacea. 

8. i tessuti che non possono essere lavati ad alte temperature (certi cuscini  o peluches ad esempio) possono essere messi in congelatore per un paio d’ore. poi aspirati a dovere. 

È una guerra quella contro gli acari che si combatte con costanza, determinazione e pazienza. Si procede per piccoli passi quotidiani.
 

Amla 

Ho usato l’amla per i miei capelli con il rassoul. Avevo cercato informazioni sulle sue criticità , ma evidentemente ho cercato male . Una seconda ipotesi è  che se può scatenare un’allergia a qualcuno a me lo  farà di certo.

L’amla è uva spina essiccata e ridotta in polvere.Viene usata in India soprattutto e ha un potere lavante e condizionante. Un vero toccasana per i capelli (e il corpo).

Ne sono tutti entusiasti.miracolosa Amla. Consigliata per problemi del cuoio capelluto. Quasi per tutti,purtroppo non fa per me. Ho avuto una reazione avversa, un bruciore intenso che mi ha presa alla sprovvista. Se avete problemi di allergie come me allora fate un test sul polso qualche ora prima. Io ho peccato di ottimismo. Avevo avuto la stessa reazione con un prodotto che conteneva PFD o PPD parafenilendiammina  che è una sostanza chimica usata nelle tinture per capelli o nei tonalizzatori.Ho avuto anche tachicardia e gonfiore del viso.A distanza di 5 ore permane un bruciore seppur attenuato.

Che mi serva di lezione!

Fare il patch test per ogni novità, Lalla impara!!!